Pisa-Benevento: 2-0

Davanti ad una spettacolare cornice di pubblico, incitati da una tifoseria da sempre attaccata ai propri colori, il Pisa prosegue nella fantastica striscia di vittorie, giungendo alla quinta su cinque dal cambio di allenatore. I ragazzi di Mister Pagliari vincono una sfida importante per il matematico accesso ai play off contro un Benevento salito in toscana con un unico risultato nel mirino : la vittoria.  Sotto un cielo coperto, che ha risparmiato il pubblico dalla pioggia, la squadra di casa, in completa tenuta nerazzurra, ha mostrato carattere sin dall’inizio, evidenziando l’intenzione di non accontentarsi del pareggio che avrebbe comunque garantito il raggiungimento dell’obiettivo.

Recuperati Favasuli e Mingazzini dalla squalifica, Pagliari premia l’ottima forma di Rizzo inserendolo negli undici titolari al posto di Fondi.  In difesa confermata la coppia centrale Colombini, Suagher con Sbraga e Sabato esterni. Confermato anche il tandem d’attacco Scappini, Gatto.  Il Benevento in maglia bianca schiera un 4.3.3 capitanato dall’ex D’Anna e con il giovane Signorini. In attacco Marchi, Marotta, Mancosu.

Al fischio d’inizio la Curva Nord “Maurizio Alberti” regala ai nerazzurri una splendida coreografia accompagnata da incessanti cori di incitamento, segno di una comunione di intenti nell’ambiente pisano. Subito il Pisa si affaccia dalle parti di Gori con una bella girata di Rizzo che esce di poco alta. Poi è il turno di D’Anna che con un gran sinistro da fuori area prova a sorprendere Sepe. Al quarto d’ora gli animi si accendono quando Anaclerio colpisce al volto Buscè provocandogli la frattura del setto nasale, in campo si accende una mischia che determina il cartellino rosso a un ingenuo Mingazzini che inspiegabilmente, data l’esperienza del forte centrocampista del pisa, colpisce al capo  Rajcic. Non può far altro che estrarre il cartellino rosso il Sig. Chiffi di Padova richiamato dall’assistente sotto la tribuna.  Pagliari sistema i suoi accentrando Buscè, medicato rapidamente dai medici pisani. Il Pisa reagisce all’inferiorità numerica e dopo soli sei minuti da un calcio d’angolo battuto da Favasuli, Sabato al volo di sinistro da fuori area insacca la palla del vantaggio sotto il boato dell’Arena Garibaldi. Al trentesimo Buscè è costretto a lasciare il campo per la frattura subita, al suo posto Barberis. Mister Carboni sostituisce un Anaclerio in evidente difficoltà, beccato costantemente dal pubblico della gradinata per una sceneggiata cui nessuno ha creduto fingendo di essere stato colpito da un bicchiere di carta. In campo anche Germinale al posto di Marchi ma in pieno recupero di primo tempo il Pisa affonda il colpo del ko con Scappini che sfrutta alla perfezione una punizione del capitano Favasuli, anticipando difensore e portiere e andando a festeggiare sotto la nord la rete del due a zero.

La ripresa vede un Pisa più prudente e Pagliari toglie una punta, Scappini, per un centrale, Benedetti, con l’intento di controllare gli assalti disperati degli ospiti, utilizzando la velocità di Gatto come arma micidiale nel contropiede. Al 7′, proprio da un contropiede dell’attaccante nerazzurro nasce l’espulsione del portiere Gori, costretto ad atterrare  Gatto lanciato a rete. Ristabilita la parità numerica dei giocatori in campo, il Benevento attacca consapevole di dover segnare tre reti per riaccendere la speranza del quinto posto ma Germinale per ben tre volte vede falliti i suoi tentativi da un Sepe attentissimo che in due occasioni si supera, bloccando a terra un colpo di testa ravvicinato.

Dopo 4 minuti di recupero finisce una gara ricca di emozioni e inizia la festa sugli spalti con i giocatori che per mano salutano prima gradinata e tribuna per poi sedersi sotto la nord a godersi lo spettacolo di una tifoseria ritrovata.

Il Pisa accede ai play off, il Benevento abbandona tale sogno.

 

IL TABELLINO DEL MATCH :

 

Pisa – Benevento : 2-0

PISA (4-4-2): Sepe ; Sbraga  Suagher , Colombini , Sabato ; Buscè  (30′ pt Barberis ), Mingazzini ,  Favasuli , Rizzo  (22′ st Pedrelli ); Gatto , Scappini  (8′ st Benedetti ).

In panchina : Pugliesi, Rozzio, Tulli, Perez.

All. Dino Pagliari

BENEVENTO (4-3-3): Gori ; D’Anna , Signorini , Mengoni , Anaclerio  (40′ pt Pedrelli L. ); Davì , Rajcic  (7′ st Mancinelli ), Montiel ; Marchi (40′ pt Germinale ), Marotta , Mancosu .

In panchina :  Siniscalchi, Cristiani, Carotti, Cipriani.

All. Guido Carboni

Marcatori : pt 21′ Sabato, 48′ Scappini

Arbitro : Chiffi di Padova  (Bottegoni di Terni  e Santoro di Catania )

Ammoniti : Anaclerio, Marchi, Mancosu (B) –  Benedetti, Sepe (P)

Espulsi : al 15′ pt Mingazzini (P) –  Gori (B) per doppia ammonizione.

Note : cielo coperto, terreno in buone condizioni.

Spettatori : 5.646.

Angoli : 3 a 11

Recuperi : 5′ pt / 4′ st

 

Articolo di Antonio Cassisa

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.