Lucchesi in bilico. Ma lui guarda già avanti

«Dobbiamo andarcene il prima possibile dalla serie C perchè il Pisa con la terza serie proprio non c’entra niente e credo lo si sia capito, una volta di più, proprio qui a Latina». Il direttore generale Fabrizio Lucchesi, quando esce dallo spogliatoio del «Francioni» ha ancora negli occhi l’epilogo del pomeriggio di Latina sotto i gradoni dello spicchio di Curva che ha ospitato i 1.200 tifosi nerazzurri . «Non ci sono dubbi, questa gente merita molto di più e sarebbe meraviglioso riuscire a riportarli almeno in serie B — dice — . Non ho problemi a dirlo: quello che ho visto quando a fine partita sono andato a salutare i nostri tifosi è stato da brividi anche per me che, pure, senza falsa modestia, un po’ di calcio ne ho visto: c’era quasi una Curva intera in lacrime e, credetemi, mentre lo dico mi sale ancora un filo di commozione. Ecco perché, quindi, è importante rimetterci a lavorare fin da subito dato che diverse scadenze sono già vicine».

Dipendesse da lui, probabilmente, domani mattina sarebbe già al lavoro al nuovo progetto. A patto, però, che sia inequivocabilmente orientato al salto di categoria: l’esperto «diggì» nerazzurro, infatti, non lo dice ma sa benissimo che l’obiettivo promozione è assolutamente necessario per non disperdere il lavoro fatto in questa stagione e il patrimonio di entusiasmo costruito negli ultimi mesi. D’altronde, da un altro punto di vista, anche l’orizzonte temporale e le scadenze che si era dato due anni fa al suo arrivo all’ombra della Torre lasciano poco spazio ad equivoci e ad ulteriori temporeggiamenti: «Se in tre anni non porto il Pisa in B, me ne vado» aveva detto, infatti, in una delle sue primissime dichiarazioni da manager nerazzurro più volte ribadita nei mesi successivi. E siccome il calendario non è un opinione, la prossima dovrà assolutamente essere la stagione in cui tentare il grande salto. Ecco perchè, quindi, anche l’avventura di Lucchesi dietro la scrivania nerazzurra è quasi a un bivio: rimarrà solo se capirà che il prossimo anno ci sarà sul serio la possibilità di puntare al salto di categoria.

 

Articolo di Francesco Paletti de “La Nazione”

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.