ir pisa è nei preioffe !!

Raccontà Pisa-Benevento mi viene tarmente facile che solo a penzà come mette in riga i penzieri mi s’arrizza la pelle. Una giornata da ricordare sotto tanti punti di vista a parti’ dall’importanza che aveva il risurtato. Ora a di’ che bisognava vince’ per forza mi ci viene da ride’ perché è tutto l’anno che per un motivo o per un’antro si dice che bisognava vince’ per forza, ma domenìa ‘un bisognava vince’ per forza perché ci bastava ir pareggio per entrà matimatiamente nei preioffe. Ma a Dinone Pagliari ormai ni garbano i tre punti e ha voluto porta’ a cinque le vittorie. L’ha vinte tutte da quando è tornato,  e più vince e più Battini gonfia di piacere … stavòrta c’ha visto bene lui, ir presidente, a cambia’ l’allenatore, e guasi guasi rimpiange d’un avello fatto prima. Cambiava poo … di siùro ‘un s’arrivava primi, sicchè i preioffe raggiunti còr una giornata d’anticipo sono un ber traguardo in una stagione partita alla grande ma che sembrava buttata via prima che dinone agguantasse la squadra per la ‘ollottola e la trascinasse di peso alla vittoria, domenìa dopo domenìa per cinque giornate.

Domenìa all’arena s’era tanti, la ‘urva per la prima vòrta esaurita, la gente che allo stadio ‘un s’era mai vista, domenìa scorza aveva paura di resta’ senza biglietto e già dar martedì se l’era ‘omprato. Un tamtamme tra i tifosi, ir comuniàto della ‘urva, videi per carìa la gente, foto, moccoli e offese alla fine hanno avuto un ber risurtato : l’arena guasi piena. Seimila pisani carii ‘ome le strombole hanno riempito i gradoni senza sta’ a guarda’ le previsioni der tempo che tanto per cambia’ facevano caà.

Senza fermammi sotto lo stadio entro con tutta la famiglia ar compreto, felpe, bandiere, maglie, sciarpe e striscione di volata. Sono le due e ‘un sono solo soletto ma c’è già un po’ di gente, segno bòno. Drento l’arena entro in transe, che ‘un è ir professionista di via traversagna colle puppe e ir pennello,  ma vòle dì che entro in uno stato di goduria incosciente. Lego lo striscione alla balaustra, mi guardo intorno saluto, guardo ir riscaldamento e piano piano la giornata da riordassi, si srotola ‘osì :

 

>> la gente entra tanta e di ‘ontinuo fin’all’inizio ‘ome nella sigra der novantesimo menuto e i settori si empiono molto più di vèllo ‘e s’era purtroppo abituati

>> la ‘urva piena zipilla invia a cantà ancora prima ‘e le squadre entrino in campo

>> entrano le squadre e la norde sventola, la pelle mi s’arrizza e la testa mi va a destra e ner mezzo ar campo di ‘ontinuo per vede’ la ‘urva e i gioatori

>> si arzano le voci, sventolano le bandiere, si ‘anta tutti (tutti tutti no, ma quando intorno a te ne ‘anta armeno dieci ir silenzio ‘un lo senti più), la nord è tutta nerazzurra, c’ho la pelle ritta e godo parecchio. Sullo sfondo nerazzurro della curva scendono quattro lettere bianche che formano una parola che per tutti noi significa “mamma” … ir mì figliolo piccino, dieghino, ‘un sa legge’ ma quella scritta la ‘onosce : “babbo c’è scritto PISA !!” … si … sventola sventola, ‘un ti ferma ! “ e sotto caa c’è scritto ?” … “ è al vostro fianco !” … vòr dì che siamo tutti vì per quell’undici omìni nerazzurri !

>> la ‘onsapevolezza che ir Benevento è forte ma l’ambiente n’ha fatto trema’ le gambe e la guasi certezza che oggi ‘un ce n’è per nessuno

>> le Signore Battini in tribuna tinte di nerazzurro còr un gufo in mano

>> ir tre di loro, anaclerio, che dar nome mi pare ir gufo di mago merlino, còr una bella gomitata sbriciola ir naso di buscè, arriva mingazzini ir vendiatore che dà un destro a anacleto.  In gradinata, urli, moccoli, offese e un fenomeno preso dar momento ni tira un bicchiere di ‘arta, di vèlli ‘e ti danno appòsta che se ti monta lo gnocco e lo tiri ‘un pòi fa male a nessuno … ir bicchiere vola paie un supertele e passa vicino a anaclerio senza coglilo … lui sente una ventata e forze dù schizzi d’acqua (ma poteva esse’ anche uno scaracchio) è traaaa !! .. si sdraia per terra tutto arrotolato … popò di farzo … favasuli raccatta ir bicchiere, lo fa vede’ all’albitro che ‘un ci sta capendo più una sega nulla, poi lo butta via ma ‘un s’è accorto der picchio di mingazzini allo stolto ma proprio quando siamo lì a commentà che n’è andata bene, ir guardalinee dalla tribuna fa la spia all’arbitro che sventola ir rosso a mingazzini che còlla faccina innocente fa : “io ?” … no, io ! penzo bestemmiando. In un còrpo solo si perde mingazzini e buscè …

>>  RoccoSabato che c’ha messo 28 giornate prima d’entrà in forma, dopo il partitone di prato, segna ar volo di sinistro su carcio d’angolo di favasuli, la rete che fa scoppià lo stadio e che mi fa vede’ le stelline (ma mìa per la gioia … per la pressione … tra poo moio mi devo dà una regolata) unazzèro per noi

>> dieghino che si diverte a bestia perché tutti allo stadio smoccolano e diàno parolacce … e penzava di fallo solo lui all’asilo

>> i fumogeni che dalla norde colorano ir cielo di nerazzurro

>> Scappini che era un po’ che voleva fa ir gò sotto la norde, sceglie la giornata giusta e da una punizione der solito cicciofavasuli, tocca e segna andando sotto la nord poo prima della fine der primo tempo … duazzèro per noi … majale ‘ome godo oggi

>> ir seòndo tempo Gatto che di media fa buttà fòri un gioatore e mezzo a partita, fa buttà fòri ir portiere ‘e lo sdraia … prima ir giallo, poi forze un moccolo provoca ir seòndo giallo e a casa.

>> la gradinata che massacra anaclerio ogni vòrta ‘e tocca palla … il coraggioso gioatore che a un certo punto fa finta di fassi male e si fa cambià … ah ah ah ah …

>> la voce che ‘un c’è già più ma quando la ‘urva chiama, ci si sforza di facci sentì … con poo seguito pultroppo …

>> l’urla der Guidi ai migrofani

>> e chi ‘un sarta è un livornese …

>> ir sogno der pisano …

>> dalla cittadella fin’ar mar …

>> la fine della partita, il boato liberatorio, i giaotori ‘e s’abbracciano, la norde che chiama dinopagliari, i ragazzi che per mano sotto la gradinata, sotto la tribuna e poi si mettano a sede’ sotto la norde a batteni le mani … bellezza clamorosa …

>> ma i fenomeni che credano d’ave’ risorto tutto svòtando li stadi vèste ‘ose vì ‘un le vedano ??

>> esco per urtimo dalla gradinata con lo stiuarte che ‘un sa come dimmelo ma vòle ‘iude’

>> e io che oggi è mercoledì godoancoraparecchio

 

Ora siamo nei preioffe, vèlli ‘e sembravano perzi e gente, se ‘un lo sapete ve lo dìo : ir 26 maggio sarà ir giorno più bello della stagione perché  un’arena come quer giorno tanti ‘un l’avranno mai vista … e io ‘un vedo l’ora di ‘ontinuà a sognà inzieme a Voi !

Sempreforzapisa

godosempreparecchio

AC

 

 

Di Antonio Cassisa

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.