In 400 hanno atteso il ritorno dei giocatori

Passione e delusione. È stata vissuta con sentimenti contrastanti l’accoglienza dei giocatori nerazzurri al ritorno da Latina. Con la serie B è sfumata anche la grande festa notturna all’Arena, ma nonostante la sconfitta i tifosi del Pisa hanno dato prova di grande attaccamento alla squadra di mister Pagliari. All’Arena, il pubblico delle grandi occasioni non c’era ma quasi quattrocento cuori nerazzurri (almeno oltre mezz’ora dopo le 23) hanno atteso con entusiasmo la squadra al ritorno dalla trasferta in terra pontina. Nei loro occhi si leggeva la delusione per un sogno svanito, ma i tifosi non hanno voluto far mancare il calore della città alla formazione nerazzurra: ultimo atto di riconoscenza della tifoseria verso la squadra per quanto fatto nell’intera stagione. Alle 21.30 erano già in tanti radunati nel piazzale antistante la tribuna in attesa dell’arrivo della squadra e della carovana nerazzurra che ha invaso Latina. I cancelli dell’Arena si sono aperti poco dopo le 22.30, con oltre mezz’ora di ritardo rispetto a quanto annunciato. La squadra è arrivata circa mezz’ora dopo la mezzanotte e in molti hanno ingannato il tempo commentando la partita del “Francioni”, rivivendo e, in alcuni casi anche simulando, le azioni salienti della partita e in particolare il fallo da rigore provocato da Sepe, secondo i più inesistente. Bandiere, sciarpe e magliette nerazzurre e rossocrociate hanno colorato (in parte) la tribuna centrale. Molti i bambini presenti, segno evidente che la squadra (e il tifo) riesce ad unire e trasmettere emozioni a molte generazioni. «Anche questa sera siamo qui a festeggiare per ricordarci, nel bene e nel male, questa stagione – commenta un giovane padre poco prima dell’ingresso all’Arena insieme al suo figlioletto di due anni –. Nella partita contro il Latina, al Pisa non è mancato niente: la squadra ha dato il massimo che poteva, ma evidentemente non è stato sufficiente. In questa stagione sono comunque arrivate tante soddisfazioni e resterà indelebile la partita di Perugia. Per questo è necessario ancora una volta essere al fianco della squadra». «È giusto essere all’Arena questa sera – aggiunge un altro tifoso seduto sui gradoni dell’Arena con la sua sciarpa nerazzura e la croce pisana tatuata sul braccio -. Sono cinquanta anni che vado allo stadio a seguire il Pisa e ci sono anche oggi perché è troppo facile fare il tifo solo quando si vince. Questa volta non è andata bene ma si deve andare avanti». Tra i presenti allo stadio si pensa già alla prossima stagione. «Ci sono tante aspettative – dicono alcuni tifosi – anche perché rispetto alla scorsa stagione abbiamo già un buon gruppo e una buona base di partenza». Il sorriso e il «Forza Pisa!» urlato da alcuni bambini restano forse l’immagine più bella – e di buon auspicio – di questa serata per i colori nerazzurri.

 

Articolo di Danilo Renzullo de “Il Tirreno”

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.