Il presidente del Fornacette: “Il tifo è libero. Ma non quando si indossa una divisa”

Marco Orsini, presidente del Fc Fornacette, ci invia questa lettera con la quale mette la parola fine alla vicenda dei raccattapalle (giocatori della squadra allievi fornacettese) finiti in tribuna per aver esultato al gol del nerazzurro Mannini nel recente derby Pontedera-Pisa.

«Ritengo necessario fare un chiarimento definitivo a questa storia, a mio parere fuori luogo, che già troppi danni ha recato alla società che presiedo e, soprattutto, alla nostra squadra degli allievi (‘97) che non merita tutto questo scalpore per una vicenda solo ed esclusivamente interna alla nostra società. La decisione di non far disputare una partita ai tre ragazzi coinvolti è dovuta solo al fatto che, vestendo i nostri colori, sono venuti meno alle normali regole di comportamento che utilizziamo per gestire le nostre squadre e che variano a seconda dell’età. Questo indipendentemente dal fatto che possano essersi esposti a favore del Pisa o del Pontedera.

«E’ lecito che un ragazzo faccia il tifo per la sua squadra del cuore — si legge ancora — , ma il fatto di indossare la divisa di una società comporta il rispetto per quella società. Nessuno ha smesso di credere nei tre ragazzi, che torneranno a giocare più forti di prima, ma per noi il rispetto dei valori morali è sempre al primo posto, e il fair play è un valore in cui far crescere i nostri tesserati, che sono oltre trecento. L’episodio, che purtroppo, come temevamo, è stato strumentalizzato ed usato in maniera impropria, era stato già gestito all’interno dello spogliatoio e condiviso da tutti i membri della società, dal direttore sportivo e dall’allenatore per cui per noi era già stato chiarito definitivamente. A maggior ragione, adesso è il momento di chiudere una volta pertutte a vicenda, che per noi dirigenti servirà come esperienza, e concentrarci sugli obiettivi sportivi senza replicare ad eventuali altre provocazioni».

 

Articolo de “La Nazione”

Both comments and pings are currently closed.

2 Responses to “Il presidente del Fornacette: “Il tifo è libero. Ma non quando si indossa una divisa””


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.