Il Pippone di Beppe

SENZA PAURA, ELOGIO DELLA FOLLIA!

Ho aderito fin da agosto con entusiasmo alla proposta dei miei colleghi ed amici di “E Ora Parlo Io” all’operazione “in B di forza!” alla faccia di ogni scaramanzia e in barba ad ogni tipologia di ragionamento tecnico e di rispetto dell’avversario (ipocrisia allo stato puro che nasconde sempre la scaramanzia in versione politically correct).

Ebbene, sia chiaro che non penso che la squadra sia perfetta o che siamo i migliori, tutt’altro, mi conforta però che non siamo i migliori. Se devo con un ragionamento logico pensare fin da adesso che non potrò vincere il campionato perché non ho il sostituto di Mingazzini (per fare un nome a caso) o perché Favasuli è indietro di condizione mi chiedo perché andiamo allo stadio, tutti quanti. A volte sembra che qualcuno ci vada per verificare le sue teorie, e può essere anche condivisibile, ma a mio modo di vedere è troppo filosofico.

Io allo stadio ci vado per vincere, anche quando non me lo merito (ma ho il coraggio di riconoscerlo contemporaneamente al fatto di dichiarare che godo il doppio), e sono sempre più convinto che in terza serie non vince la squadra migliore, dove per migliore si intende quella che ad agosto schiera lo “squadrone”.

Inoltre amici bisogna fare grande attenzione, lo squadrone lo hanno fatto almeno in 5 o 6, e tra queste con una certa timidezza metto anche il Pisa.

Ebbene se mi fermo a pensare su questi condizionamenti, la domenica potrei benissimo sdraiarmi sul divano e guardarmi con grande pace la GRANDE Serie A dove non sono tifoso ma vedo grandi schemi, grandi giocate e campioni a iosa.

Non lo faccio perché spero nella sorte, nella beffa, nell’imponderabile, in quel qualcosa che a volte fa si che la prima di un giorne di serie C è la settima-ottava per valori tecnici assoluti, lo faccio perché spero che i miei ci mettano quel qualcosa in più rispetto ai titolati campioni che schierano gli avversari, lo faccio perché il calcio, in ultima analisi, è una follia, e non risponde ad un modello matematico, meno male.

E’ dal 1977 che vado all’Arena ed ero la persona più scaramantica del mondo, poi gli anni passano e ti rendi conto, con le bastonate che hai preso (sportivamente parlando) che alla fine conviene una cosa, elogiare la follia e affidarsi a quella spietata lotteria che nessuno, dico nessuno, sa come andrà a finire, e sapete, amici miei, è bellissimo, anche se non ho il ricambio di Mingazzini!. Ecco perché non mi resta che riaffermare “In B di Forza!”

Alla prossima!

Both comments and pings are currently closed.

3 Responses to “Il Pippone di Beppe”


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.