Favasuli segna in recupero e regala i tre punti al Pisa [cronaca e tabellino]

Un Pisa non entusiasmante dal punto di vista del gioco, ma superlativo per caparbietà e voglia di vincere, riesce nell’impresa e, accusato lo svantaggio a fine primo tempo, riesce prima a pareggiare con Kosnic e poi a fare sua l’intera posta grazie a capitan Favasuli, sempre infallibile dagli undici metri,  in pieno recupero. Mister Pagliari deve rinunciare ancora a Martella e Rozzio indisponibili e ripropone Giovinco a fianco di Arma, mentre Favasuli si posiziona largo sulla sinistra al posto di Martella. A destra ancora Napoli preferito a Cia. Nella panchina dell’Ascoli, alla sua prima uscita, oggi all’Arena con una improbabile tenuta arancio fluorescente, una vecchia conoscenza di Pisa : Bruno Giordano che nel 2009 subentrato a Ventura con sei punti di vantaggio, riuscì nell’impresa di retrocedere. Solo fischi per lui da parte dei quasi 4500 dell’Arena Garibaldi. Partita che fa fatica a decollare e nei primi 45 minuti assistiamo a tre sole occasioni degne di nota : una traversa incredibile colpita da Napoli in corsa su sponda di Arma al 34′, la rete del vantaggio ascolano a tre minuti dal riposo con Vegnaduzzo che raccoglie in area un perfetto assist di Falzerano, sfuggito troppo agevolmente a Sabato,  e un’altra traversa prima della fine del tempo colpita direttamente su calcio di punizione da Favasuli. Davvero poche le emozioni sul campo nella prima frazione di gioco che vede i nerazzurri al riposo in svantaggio. Emozioni solo dagli spalti, dove la Curva Nord, dopo avere ricordato la memoria del Presidentissimo Romeo Anconetani, nel giorno dell’Anniversario della sua dipartita, dedica un emozionante striscione a Gianluca, l’amato componente della Nord che festeggia con la sua tifoseria la sconfitta di un male terribile : << chi lotta da guerriero raggiunge il traguardo … che la tua tenacia sia d’esempio. Grazie Fratello Ultras >> firmato “la tua curva”. La ripresa, pur non caratterizzata da un gioco lineare, vede il Pisa alla ricerca del pareggio. Fuori Sabato non al meglio fisicamente,  dal primo minuto per Caputo, Pagliari intorno al quarto d’ora tenta la carta Bollino per Giovinco, ma l’unico lampo lo offre un’azione di contropiede in cui Napoli tenta di scartare l’ultimo uomo, senza riuscirci e fallendo l’opportunità di servire Bollino, solo in area alla sua sinistra. Pagliari sostituisce un acciaccato Mingazzini con Forte che appena entrato ha sui piedi la clamorosa palla del pareggio, ma il suo destro schiaccia la palla a un metro dalla porta, graziando il portiere Russo e permettendo alla difesa di liberare prima che la palla potesse varcare la linea di porta. Il Pisa preme e tre minuti più tardi raggiunge il pareggio con Kosnic abile a calciare in porta una palla giunta dalle sue parti al termine di una mischia in area. Esplode la gioia dell’Arena che grida per tre volte il nome del numero 4 nerazzurro. La squadra di Dino Pagliari acquista fiducia e pressa in maniera un po’ confusa ma al 44′ Bollino, ammonito, protesta dicendo forse una parola di troppo all’arbitro che senza esitazione gli mostra anche il rosso e lascia il Pisa in inferiorità numerica. Quando tutto sembra indirizzato verso il pareggio, in pieno recupero, Napoli entra in area e cade contrastato da Rosania. Nessun dubbio per il Sig. Rasia che indica il dischetto del rigore e il rosso al difensore ascolano. Dagli undici metri Favasuli sistema la palla sul dischetto in una atmosfera di surreale silenzio e tensione. Tensione che esplode in gioia quando la palla supera Russo e gonfia la rete. Vittoria sofferta, giunta al termine di una gara non esaltante che va a farcire una giornata ricca di contenuti extra calcistici. Il Pisa approfitta della sconfitta del Pontedera a Catanzaro e del pareggio del Frosinone e acciuffa nuovamente la testa della CLASSIFICA in condominio con L’Aquila e Pontedera. Prossimo obbiettivo Benevento nella trasferta anticipata a Venerdi.

IL TABELLINO DEL MATCH :

Pisa – Ascoli : 2-1

 

PISA (4-2-3-1): Provedel; Sabato (46′ Caputo), Kosnic, Goldaniga, Pellegrini; Mingazzini (72′ Forte), Sampietro; Favasuli, Giovinco (59′ Bollino), Napoli; Arma.
A disp: Pugliesi, Lucarelli, Melis, Cia. A
ll
: Pagliari
ASCOLI (4-3-3): Russo; Giacomini, Scognamillo, Rosania, Scalise; Gandelli (94′ Scicchitano), Pestrin, Capece (90′ Di Gennaro); Tripoli, Vegnaduzzo (74′ Iotti), Falzerano. A
disp
: Pazzagli, Massei, Schiavino, Storani.
All: Giordano
Arbitro: Rasia di Bassano
Assistenti : Margini di Reggio Emilia e Pellegrini di Arco Riva
Marcatori: 43′ Vegnaduzzo (A), 75′ Kosnic (P), 93′ Favasuli (P) rig.
Ammoniti : Tripoli, Scognamillo, Rosania, Giacomini (A), Favasuli, Kosnic, Bollino (P).
Espulsi: 89′ Bollino (P), 91′ Rosania (A)
Calci d’Angolo : 3 a 3
Recupero : 0′ pt / 3′ st
Note : giornata ventosa, temperatura gradevole, terreno in buone condizioni, spettatori 4500 ca, una decina da Ascoli sistemati nel settore ospiti.

 

Both comments and pings are currently closed.

3 Responses to “Favasuli segna in recupero e regala i tre punti al Pisa [cronaca e tabellino]”


Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.